Le Catacombe di San Callisto

Le catacombe sono aree sotterranee che nascono tra la fine del II e gli inizi del III secolo d.C., adibite alla sepoltura e alla commemorazione funebre dei membri della comunità cristiana.

Questi sepolcreti venivano scavati principalmente nel tufo e nella pozzolana, come pure in altre tipologie di terreno caratterizzate da facilità nella lavorazione e grande resistenza, tali da garantire la creazione di complessi sistemi di gallerie e cubicoli strutturati su diversi piani.

Alcuni di questi ambienti sono riccamente decorati, altri hanno ospitato le tombe dei martiri che nel corso del medioevo hanno attirato la devozione di numerosi pellegrini.

Via Appia Antica, 110

Price

€ 13,00
(di cui € 3,00 diritti di prenotazione)

Duration

30 minuti

Description

La Catacomba di S. Callisto si estende tra la via Appia Antica e la via Ardeatina ed è, secondo le fonti, il più antico cimitero ufficiale della comunità cristiana di Roma.

Il complesso prende nome dal diacono Callisto che, sotto papa Zefirino (199-217), fu preposto all’amministrazione del cimitero e che, divenuto papa (217-222), lo ingrandì notevolmente.

Il complesso cimiteriale si sviluppa in alcuni punti anche su cinque piani e le sue gallerie hanno uno sviluppo di oltre 10 chilometri.

Nel 1854 l’archeologo Giovanni Battista de Rossi scoprì la cripta dei papi, che accolse le sepolture dei pontefici che regnarono tra il 230 e il 283. In questa tomba furono sepolti ben nove papi e tre vescovi. In un ambiente contiguo si trova la sepoltura di S. Cecilia, una matrona romana che la tradizione ricorda come colei che si preoccupò di dare degna sepoltura a tanti martiri romani.

Uno dei nuclei più antichi del complesso cimiteriale è la cripta di Lucina, dove fu sepolto papa Cornelio, morto martire nel 253. In un vicino cubicolo vi sono alcuni fra i più antichi affreschi delle catacombe romane (fine del II - inizi del III secolo): sul soffitto un Buon Pastore con degli oranti e, sulla parete di fondo, due pesci con un cestino di pani sul dorso, simbolo dell'eucaristia.

Un’altra regione antica è la cosiddetta “Area I” ove si collocano i cubicoli dei sacramenti”, perché i soggetti delle pitture che li decorano si pensava un tempo alludessero al Battesimo e all’Eucarestia.

Tariffe di accesso (inclusi costi di gestione)

Biglietto intero € 13,00 (Biglietto € 10.00 + Diritti di prenotazione € 3,00)

  • Il biglietto include la visita guidata in lingua con personale interno delle Catacombe (per le lingue disponibili vedi sotto) e diritti di prenotazione.

Biglietto ridotto € 10,00 (Biglietto € 7.00 + Diritti di prenotazione € 3,00)

  • Minori di età compresa tra i 7 e i 16 anni
  • Gruppi costituiti da studenti appartenenti a scuole ed istituti, di primo e secondo grado (età compresa tra 7 e 16 anni)
  • Studenti di archeologia, architettura, storia dell’arte e beni culturali sino ai 25 anni di età compiuti, che si presentano con adeguata certificazione
  • Sacerdoti, religiosi e religiose, seminaristi e novizie, che si presentano con adeguata certificazione

Biglietto gratuito

  • Bambini da 0 a 6 anni
  • Portatori di handicap ed eventuale accompagnatore
  • Studenti del Pontificio Istituto di Archeologia Cristiana (muniti di tesserino rilasciato dalla Pontificia Commissione di Archeologia Sacra)
  • Sacerdoti e suore appartenenti alla Famiglia Religiosa della Comunità Custode della catacomba Professori, insegnanti e catechisti accompagnatori di gruppi (una gratuità per ogni 15 visitatori paganti)
  • Per i gruppi, costituiti da almeno 35 persone, che acquistano il biglietto a tariffa intera, sono concessi due ingressi gratuiti
  • Guide turistiche munite di tesserino in corso di validità studiosi che, documentando l’oggetto della loro ricerca, facciano richiesta specifica alla Pontificia Commissione di Archeologia Sacra.

Informazioni ed accoglienza

  • Data la natura specifica dei luoghi esistono specifiche limitazioni per la visita da parte di persone con diversa abilità.
  • Si consiglia comunque ai visitatori di portare delle scarpe adeguate ad un pavimento antico e non sempre piano, ed in funzione delle stagioni, indumenti adeguati alle temperature dei sotterranei.
  • All’interno della catacomba, è vietato fotografare e fare riprese video.
  • È vietato fumare all’interno dei monumenti

Lingue disponibili: Italiano, Inglese, Francese, Spagnolo, Tedesco.

Per altri orari e giorni disponibili scrivere a info@omniavaticanrome.org

 

Come arrivare con i mezzi pubblici

SAN CALLISTO

Indirizzo: Via Appia Antica, 110 

Dalla Stazione Termini:

  • Metro A (direzione Anagnina) fino a Piazza San Giovanni in Laterano, proseguire con il bus 218 (direzione Ardeatina) e scendere alla fermata Fosse Ardeatine. L’entrata alle Catacombe è di fronte.
  • Metro B (direzione Laurentina) fino alla fermata Colosseo o Circo Massimo (fermata bus: Terme Caracalla/Porta Capena). Da qui proseguire con il bus 118 (direzione Appia/Villa Dei Quintili) fino alla fermata Catacombe di San Callisto (Via Appia Antica, 110).

The value of the experience

The oldest name of these places dug underground was our and most common "cemetery", a word that derives from the Greek and means "place of rest". When Christians laid down the bodies of their deceased loved ones they were certain that they were only asleep for a long sleep, awaiting the awakening of the resurrection. For this reason the catacombs are not sad dark slums, but they are a secret world that opens to the pilgrim with all the beauty, faith and memory of those who believed in Christ and in his word of hope.

Card. Ravasi

The position GoogleMaps

Points of interest

The crypt of the popes is a rectangular room illuminated by a large skylight, with niches and niches for sarcophagi obtained in the side walls.

On the back wall a marble slab, recomposed by the archaeologist Giovanni Battista de Rossi, bears a poem composed by Pope Damasus (366-384) in honor of the bishops placed in the catacomb.

read more

The cubicles "of the sacraments" contain paintings dated to the first half of the third century, which represent scenes of the prophet Jonah, the healing of the paralytic, the resurrection of Lazarus, the baptism of Jesus and banquet scenes.

Also richly decorated are the faced cubicles of Pope Miltiades and the Seasons, with representations that reflect the characteristic themes of the most ancient Roman paintings.

Two more cubicles retain the burials of two other popes, Gaius and Eusebius. In the latter's tomb you can see the monumental inscribed slab that Pope Damasus dedicated to him.

hide
€ 13,00
(di cui € 3,00 diritti di prenotazione)

Add more experiences