Carcer Tullianum, Colosseo, Foro Romano e Palatino

Questa  visita vi porta  ad  ammirare l'eccezionale stratificazione di memorie storiche e artistiche che rispecchiano la vita e lo sviluppo dell’antica Roma.

Il Carcere Tullianum , la prigione di massima sicurezza dove venivano imprigionati i nemici di Roma.

Il Colosseo, il luogo che ha visto i giochi cruenti della Roma Imperiale.

Il Foro Romano, fulcro sociale, commerciale e religioso dell’antica Roma sin dali primi secoli della sua storia 

Il Palatino,  il luogo dove nacque questa città  intorno alla metà dell’ VIII secolo a.C. e successivamente sede dei palazzi  che hanno ospitato i grandi imperatori di Roma

Via del Clivo Argentario

Prezzo

da € 20,00

Durata

2 ore
3 ore

I vantaggi

  • Con un solo biglietto puoi visitare il Colosseo (prenotazione obbligatoria), il Foro Romano, il Palatino e il Carcer Tullianum Museo
  • Entra nell’area archeologica dall’ingresso dedicato sito in Clivo Argentario, e goditi l’Antica Roma senza fare la fila.

Cosa include

  • Ingresso al Carcer Tullianum
  • Percorso all’interno del complesso archeologico con l'ausilio di un tablet. Lingue: italiano, inglese e spagnolo
  • Ingresso Colosseo (prenotazione obbligatoria), Foro Romano e Palatino
  • Accoglienza e assistenza con nostro personale multilingue
  • Costi di prenotazione e gestione

Cosa non include

  • Tour guidato al Carcer Tullianum e al Colosseo, Foro Romano, Palatino
  • Audioguida del Colosseo
  • Tutto quanto non espressamente indicato nel “Cosa è incluso”

Opzione visita guidata 

La visita guidata comprende, una guida ufficiale che vi farà visitare il Carcer Tullianum e Foro Romano nella lingua da voi prescelta e vi accompagnerà lungo tutto il percorso dell'area archeologica del Foro Romano fino all'ingresso del Colosseo. 

L'ingresso al Colosseo avverrà in autonomia ed è obbligatoria la prenotazione.

Informazioni ed accoglienza

Luogo di scambio ed emissione del biglietto

  • Carcer Tullianum, Via Clivo Argentario 

Informazioni importanti

  • Non è previsto l'acquisto cumulativo di oltre 13 titoli combinati ad uso individuale 
  • Il biglietto per il Colosseo, Foro Romano e Palatino è valido due giorni a partire dalla prima attivazione ed è consentito un solo ingresso al Colosseo e un solo ingresso al Foro Romano e Palatino.
  • Ogni prima domenica del mese l’ingresso al Colosseo, Foro Romano e Palatino è gratuito per tutti i visitatori secondo gli orari ordinari di apertura. E' possibile, presso la biglietteria del Carcer Tullianum, l'acquisto del titolo combinato Carcer Tullianum + Area Archeologica al prezzo ridotto di € 7,00.​
  • La visita al Carcer Tullianum è prenotabile al momento dell’acquisto.
  • La prenotazione per il Colosseo è obbligatoria, e l'orario di prenotazione deve essere 1h30 dopo la visita al Carcer Mamertino,
  • Per la visita al Colosseo sarà necessario presentarsi alle biglietterie del Colosseo 30 minuti prima l'orario di prenotazione
  • Foro Romano e Palatino non è necessaria alcuna prenotazione.
  • Si comunica che per motivi di sicurezza il Colosseo può ospitare massimo 3.000 persone in contemporanea. Questo potrebbe comportare notevoli rallentamenti nell'accesso al sito.

Supplemento Visita Guidata Carcer Tullianum e Foro Romano con il solo ingresso al Colosseo e al Palatino

Meeting Point

Ufficio ORP, via dei Cestari, n. 21

Informazioni importanti:

  • La visita guidata è prevista solo per il Carcere Mamertino e Foro Romano
  • Il titolo da diritto al solo ingresso del Colosseo e Palatino , ma non è prevista la spiegazione all'interno dei suddetti siti.
  • La visita ha la durata di 3h circa, ed è prevista per gruppi formati da un massimo di 13 persone.

 

Per ulteriori agevolazioni:
tel +39 06 69896379
email romacristiana@orpnet.org

 

Punti di interesse

Il Colosseo

Il Colosseo è forse il monumento più riconosciuto nel mondo da sempre come simbolo della romanità. Venne costruito in soli 8 anni, dal 72 all’80 dopo Cristo, dagli imperatori Flavi, Vespasiano prima e poi i suoi figli Tito e Domiziano con una rapidità che testimonia l’elevato livello dell’ingegneria romana.

Per la sua inaugurazione furono organizzati 100 giorni di festa durante i quali furono uccise più di 5000 bestie feroci. In antichità doveva essere stupefacente, bianchissimo perchè totalmente ricoperto di travertino, un marmo bianco locale e di statue.

Il Colosseo era aperto in maniera gratuita ai suoi 70.000 spettatori. L’anello inferiore, quello più vicino all’arena, era riservato alle persone più importanti, i senatori, i magistrati, i sacerdoti e le vestali; più alto c’erano, i membri dei vari ordini equestri; poi i commercianti e gli ospiti pubblici, ancora più in alto i membri del popolo e nell’ultimo settore le donne.

leggi di più

Gli spettacoli che venivano organizzati erano essenzialmente due: I combattimenti tra gladiatori e le cacce con animali feroci.

Tutto avveniva sull’arena, il grande ripiano in legno lungo 75 metri e largo 44 coperta di sabbia. Sotto l’arena, si estendevano due ripiani sotterranei con stanze, corridoi, gabbie e speciali montacarichi che permettevano di far salire sull’arena animali e gladiatori e creare momenti di suspence senza eguali.

Nel Colosseo, veniva anche eseguita la condanna a morte per opera delle bestie, che ha fatto di questo luogo simbolo del martirio di molti cristiani, avvenuto durante le persecuzioni dei secoli successivi.

nascondi

Il Foro Romano

Il cuore di Roma per tanti secoli dalla sua nascita alla sua caduta è stato il Foro Romano. Nato ai piedi del Campidoglio era anticamente una zona malsana e paludosa, Nel VI secolo avanti Cristo la valle venne bonificata con la costruzione della Cloaca Maxima, la prima fognatura della storia.

L’area divenne presto il centro sociale, politico e religioso di Roma dal periodo dei re alla Repubblica e per tutto l’impero. Vi sorsero i luoghi della politica come il Senato, le Basiliche luoghi d’incontro, di commerci e di amministrazione della giustizia, tanti templi dedicati agli Dei di Roma e archi monumentali a ricordo delle gesta di grandi imperatori come Tito e Settimio Severo. Qui passava l’ultimo tratto della Via Sacra che portava i generali trionfatori al tempio di Giove sul Campidoglio.

leggi di più

Dopo il crollo dell’impero e dopo le invasioni barbariche, Roma iniziò un lento ma inesorabile processo di decadimento, il Foro venne abbandonato e spogliato di molti dei suoi marmi, le piene del fiume contribuirono alla lenta copertura innalzando il livello della valle, a partire dal 1600 circa, alcuni templi vennero trasformati in chiese, cosa che contribuì in parte alla loro conservazione, vennero costruite abitazioni e le grandi aree libere trasformate in mercato di bestiame tant’è che ancora oggi i romani chiamano questa zona Campo Vaccino.

nascondi

Il Palatino

Il Palatino è il più noto tra i sette colli che circondano la valle del Foro Romano.

E’ qui che, secondo la tradizione, Romolo fondò Roma, nel 754 avanti Cristo.

Antiche capanne di pastori, ritrovate in un angolo del colle, testimoniano la realtà della Roma di questi primi secoli.

Il Palatino è sempre stato un luogo privilegiato per la sua vicinanza al Foro e per la sua particolare posizione. Durante il periodo della Repubblica vi dimorarono grandi personaggi come Cicerone, e il Triumviro Marco Antonio.

Ma è con Ottaviano Augusto, il primo imperatore, che il colle diventa sede imperiale. E i suoi successori, Tiberio, Caligola e Nerone proseguirono la sua opera. Dopo l’incendio del 64 dopo Cristo, una buona parte del Palatino, così come la zona dei colli circostanti, venne occupata dalla sontuosa reggia neroniana, la Domus Aurea.

leggi di più

Fu però alla morte di Nerone e con l’avvento di Domiziano, il terzo degli imperatori della dinastia dei Flavi che il Palatino subì un vero e proprio sconvolgimento urbanistico. Domiziano costruì il grandioso ed elegante palazzo detto Domus Augustana che ancora oggi rappresenta una parte importante del Colle, vi aggiunse un ippodromo e le terme che furono ampliate da Settimio Severo che arricchì anche il Palazzo rivolto verso la zona del Circo Massimo. Il Palatino rimase abitato per tutto il periodo imperiale ma ance, dopo la caduta dell’impero romano, avvenuta alla fine del V secolo dopo Cristo. Qui infatti i primi re barbari fissarono la loro dimora. Durante il Medioevo, parte del colle venne occupata da monasteri e da alcune nobili famiglie romane .

Nel Rinascimento il Cardinale Alessandro Farnese , nipote di Paolo III, trasformò il Palatino in un grande giardino, una villa destinata al passeggio ed alla meditazione. Vi vennero piantati alberi e piante al punto che il Colle divenne in primo grande orto botanico della Roma rinascimentale. il Palatino è tutt’ora uno dei più grandi cantieri di scavo dell’archeologia italiana e restituisce continuamente materiali che consentono di ricostruire sempre meglio la vita ed i dettagli della Repubblica e dell’Impero.

nascondi
da € 20,00

Aggiungi altre esperienze